asar pasubio
7ª Escursione ASAR - “Al Rifugio Papa, sul Pasubio” - Mercoledì 8 luglio
Ritrovo: ore 7.45 a Toscolano - Piazzale rotonda Bar Posta
L’escursione è guidata da Mauro Zattera, profondo conoscitore del Monte Pasubio e delle vicende belliche che vi si svolsero nel 1915-18.
Da Toscolano si prosegue con la propria automobile per Riva del Garda, Torbole, Mori, Rovereto, Vallarsa e Pian delle Fugazze (km 85), dove si parcheggia. Da Pian delle Fugazze, con un pulmino da 20 postiappositamente noleggiato (costo Euro 10 andata + Euro 10 ritorno; qualcosa di meno se siamo in tanti…;
prenotazione entro lunedì 6 luglio, ore 12), si sale alla galleria d’Havet, da dove inizia il nostro percorso a piedi.
Attraversata la galleria ci si apre la Val Canale ed in alto si scorge il rifugio Papa. Qui inizia il tratto di strada chiamato Strada degli Eroi, dedicata alle medaglie d’oro del Pasubio. Continuando sulla strada, dopo aver passato il rifugio, in 20 minuti arriviamo all’Arco Romano presso il cimitero della Brigata Liguria “di qui non si passa”, un centinaio di metri più avanti la chiesetta degli alpini e la tomba del gen. Rossi.
Altri 20 minuti di salita ci portano a cima Palom, a 2200 metri, la massima elevazione del Pasubio.
Qualche metro sotto la cima si trova la galleria Papa che percorreremo (munirsi di pila!) fino a sbucare nei press della selletta Damaggio, chiamata così a ricordo del ten. Salvatore Damaggio.
A pochi metri l’ingresso della galleria di manovra del Dente Italiano. Sopra la galleria la famosa madonnina posta dai fanti della Piceno.Una scalinata ci porta sulla sommità del Dente Italiano, sconvolto dai massicci bombardamenti austriaci.

Lo percorreremo tutto per la sua lunghezza fino ad arrivare sul bordo della frana causata dalla poderosa mina del marzo 1918.

Un sentiero ricavato fra i giganteschi massi della mina ci porta alla selletta dei Denti, dove una lapide ricorda la guerra di mine.

In breve siamo sul Dente Austriaco, sconvolto in maniera impressionante dai bombardamenti.

Dopo aver sostato un momento sulla cima, ritorniamo alla selletta e scendendo lungo il sentiero andiamo ad incrociare il camminamento Ghersi ed in breve alla chiesetta.
Da lì si ripercorre a ritroso il cammino fatto fino al pulmino.
Durata del percorso 4-5 ore senza nessuna difficoltà.

Fai clic su un'immagine per visualizzarla in dimensioni maggiori.