asar garda salò
4ª Escursione
Domenica 25 Maggio 2014
Sul Monte Denervo lungo il Sentiero delle peonie
(in collaborazione con il Gruppo “La variante”)
Ritrovo
Ore 8.30: a Gargnano, piazzale Boldini (fermata autobus capoluogo, lungo la Gardesana), da dove si procede con la propria auto attraverso Liano e Formaga per la località Briano (Baita degli Alpini del Gruppo di Gargnano). Oppure, ore 9.00: alla Baita di Briano, da dove comincia l’escursione a piedi.
A Cima Comer (minuti 45) Dalla località Briano (m. 1000 s.l.m.), si sale in 45’ alla Cima Comer (m. 1279), tra i più spettacolari punti panoramici sul Lago di Garda; fin qui il sentiero, contrassegnato con il n. 32, sale nel bosco di faggi senza particolari difficoltà.Salita al Monte Denervo, Piazze e Premaur (ore 4 circa)
Da Cima Comer, sempre lungo il sentiero n. 32, che in qualche tratto si presenta ripido, in un’ora si raggiunge la cima del Monte Denervo. La cima, a m. 1460, è ampia e pianeggiante.
Offre, oltre che scorci panoramici straordinari sia sul lago che sui monti dell’alto Garda fino al gruppo dolomitico del Brenta, anche un ambiente alquanto suggestivo, caratterizzato dalla presenza di numerosi esemplari di faggi monumentali. Interessante è anche la malga seicentesca, integra nella sua conservazione, esempio unico di architettura rurale.
Dopo la sosta per la colazione al sacco, si prosegue nel tratto meno conosciuto del Denervo, il versante a nord, caratterizzato da un esteso manto forestale.
Scesi lungo il segnavia n. 39, giunti a quota 1140, lo si abbandona e si devia a destra percorrendo il sentiero pressoché pianeggiante che circonda la cima, giungendo in località Valzana e quindi a Piazze (da Valzana segnavia n. 35). Il prato di Piazze (m. 1110), con la bella casa di villeggiatura estiva risalente ai primi del ‘900, presenta un’estesa fioritura di bianchi asfodeli.
Da qui, dopo una nuova sosta per rifocillarsi, si risale brevemente alla Malga Premaur e alla bocchetta omonima (m. 1250), per ritornare a Briano, riprendendo, per l’ultimo tratto, il sentiero percorso all’andata. Il dislivello complessivo è di circa 600 m.

Attrezzatura
Sono richiesti un buon allenamento e la dotazione di scarponcini ed attrezzatura adeguata per coprirsi e proteggersi in caso di maltempo improvviso.
Informazioni e prenotazioni
Franco Ghitti, 347.9366012; 0365.71691
Claudia Dalboni, 0365.41205